Formigole

by Toni Bruna

supported by
fabio anghilante
fabio anghilante thumbnail
fabio anghilante musica che fa bene al cuore. Favorite track: Sanantonio.
/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    Purchasable with gift card

      €10 EUR  or more

     

  • Compact Disc (CD) + Digital Album

    Meraviglioso digipack de carton e plastica assolutamente non sotenibile e malamente riciclabile. Dentro e fora i disegni del maetsro Jan Sedmak. Merita ciorlo solo per quei.

    Includes unlimited streaming of Formigole via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    ships out within 2 days

      €13 EUR or more 

     

1.
Baiamonti 03:35
Baiamonti. Baiamonti, Baiamonti fumigada Xe le sete e un quarto de matina I bevi viski e le man ghe trema Xe i vetri onti Che no se vedi in strada Baiamonti Baiamonti Fumigada Drio la vecia pompa de benzina Ale nove sona una campana Che le vecie istriane le va in cesa Qua un esodo comincia ogni matina Te se lo trovi in piato a ora de zena Baiamonti Baiamonti Fumigada… ----------------------------------------------------------------------- Baiamonti é una via di Trieste che marca il confine est del quartiere degli esuli istriani. E’ un quartiere periferico ed industriale della cittá sorto proprio per accogliere gli esodati dopo la Seconda Guerra Mondiale. Xe: é, sono, c’é, ci sono. Xe i vetri onti: I vetri sono unti, sporchi. Drio: dietro. Vecia: vecchia. Cesa: chiesa. Zena: cena.
2.
Cristo de geso. Go squaià un bianco cristo de geso in un secio de acqua E ogni matina de quel’ acqua me bevo un bicer Me son fato portar una madona de plastica Una madona col tapo a corona Una madona de litro, un litro de aqua de Lourdes E con quel acqua ogni matina Me frego i oci e la boca Me onzo la fronte e le man Me par come che Me par come che… Go comincià a far miracoli Go comincià a far miracoli… Trasformo el vin in asedo Fazo vignir la mufa sul pan Fermo el tram…co una man --------------------------------------------------------------------- Go squaiá un bianco crristo de gesso in un secio de acqua: ho sciolto un bianco Cristo di gesso in un secchio d’acqua. Bicer: bicchiere. Frego: frego, strofino. Oci: occhi. Onzo: ungo, cospargo. Asedo: aceto. Fazo vignir: faccio venire.
3.
Fromigole 02:59
Formigole. E le formigole, le sburta avanti e indré le fregole Co le antene le se stuziga qualche volta le se piziga ma po le se vol ben e noi altri noi stemo solo tra de noi altri qualche volta se misiemo con quei altri de lá po se demo pel muso e restemo incazai si noi restemo incazai ------------------------------------------------------------------------- Formigole: formiche. Le sburta avanti e indré le fregole: spingono (portano) avanti e indietro le briciole. Stuziga: stuzzica, stuzzicano. Piziga: pizzica, pizzicano. Misiemo: mescoliamo. Se demo pel muso: ci picchiamo, litighiamo. Restemo incazai: restiamo incazzati.
4.
Gente che no ghe frega de gnente. Quela xe gente che no ghe frega de gnente Anche se i ga la corente ghe piazi star in tel scuro I bevi l’acqua de le piante i nasa la polvere del muro I nasa la polvere del muro No ‘ndar torno No misiarte I disi che i magna co le man de per tera Che i va in leto de giorno che i se sveia de sera No ‘ndar torno No misiarte No ‘ndar torno ... ------------------------------------------------------------------------------- I ga: hanno. Corente: elettricitá. Ghe piazi: a loro piace, gli piace. In tel scuro: nell’ oscuritá. I bevi: bevono. I nasa: sniffano. No ‘ndar torno: non avvicinarti. No misiarte: stanne fuori, non immischiarti I disi: dicono. I se sveia: si svegliano.
5.
Pai de la luce. Tuta la note sveio Su un pal de la luce Vardavo fiso in tel scuro Dormivo un poco co un ocio Scuro de no veder gnente Scuro de note in cantina No sará miga la morte Sta ombra freda que me sento in schena Pai de la luce Pai de la luce ... E se anche ti come mi Te son su un pal de la luce Impiza e studa la luce Impiza e studa la luce Impiza e studa la luce Impiza e distuda. Pai de la luce Pai de la luce ... Saveró che no son solo Saveró che te son lá Saveró che no son solo Saveró che te son lá ------------------------------------------------------------------------------- Pai de la luce: pali della luce, lampioni. Vardavo fiso: guardavo fissamente, ossessivamente. Sveio: sveglio. Ocio: occhio. Te son: sei, tu sei. Impiza e studa: accendi e spegni. Saveró: sapró.
6.
Picar 04:23
Picar. Te ga nasà la sporca e desso te pichi Oci girai sui divaneti Te piasi la sporca te nasi la sporca te piasi la sporca te nasi la sporca te piasi picaaaaar Giambi ripigliteeeee Te ga nasà la sporca e desso te pichi Te ghe devi bori a tutti i più bruti Per andar a balar Ghe vol magnar tochi Xe tuti in piena E ti te pichi Giambi ripigliteee --------------------------------------------------------------------------- Picar: lett. pendere. Non riuscire a reggersi in piedi dal sonno o per l’effetto di sostanze psicotrope. Nasá: sniffato. La sporca: l’eroina. Ogi girai: lett. occhi girati, cioé quando gli iridi scompaiono sotto le palpebre che rimangono semiaperte mostrando solamente la parte bianca del bulbo oculare. Bori: soldi. Bruti: lett. brutti, gente poco raccomandabile. Tochi: pastiglie, ecstasy. Xe tutti in piena: tutti si divertono.
7.
Sanantonio 04:10
Sanantonio. Sanantonio sanantonio taumaturgo Protegime… La pinza dei freni la pompa del oio la vida del spurgo Fame rivar intiero de qua fin Borgo Se resto suto canelerò se beco i sbiri ghe tiro un petardo Taumaturgo … Sanantonio sanantonio taumaturgo Protegime La pinza dei freni la pompa del oio la vida del spurgo Veglia sul mio Proma sul cento Malossi sul ventiquatro Dell’Orto Fame tornar a casa anche se son duro Fame tornar a casa anche se son storto Su una rioda sola quel che dà De qua fin Borgo Su una rioda sola quel che dà De qua… Fin Borgo. --------------------------------------------------------------------------- Se resto suto: se rimango senza benzina. Caneleró: futuro del verbo canelar, trasferire un liquido da un contenitore posto piú in alto ad un altro piú in basso, servendosi di un tubo solitamente di gomma. Nel caso specifico si fa riferimento all’utilizzo di questa tecnica per rubare la benzina dai veicoli in sosta. Duro, storto: ubriaco fradicio o di persona in evidente stato di alterazione psicofisica. Su una rioda sola: su di una sola ruota, di solito quella posteriore di un ciclomotore o motociclo. Quel che dá: a tutta forza. Anche in senso figurato: dare tutto se stesso.
8.
Serbitoli 03:46
Serbitoli. Me lavo i denti I me casca i xe finti Sogno serpenti Neri e longhi Tra i sparisi i se scondi Gavemo braghe curte i spini ne sponzi I spini ne sponzi Fumemo liane sui carpini e sui pini femo capane brusemo foie coi cerini Maria dove xe i fioi, Maria aaaah Maria dove xe i fioi, Maria aaaah… ------------------------------------------------------------------------------ Serbitoli: serpentelli. Sparisi: asparagi. Gavemo: abbiamo. Sponzi: punge, pungono. Liane: tipo di pianta rampicante legnosa spesso fumata al posto del tabacco soprattutto dai ragazzini che abitano le zone rurali del Carso. Brusemo foie: bruciamo foglie. Dove xe i fioi: dove sono i bambini.
9.
Tesounasanta 02:03
Tesounasanta. Te son una santa Te ardi come Montegrisa Te vedo in testa Una aureola de neon O me confondo Co la plafoniera De la cusina ----------------------------------------------------------------------------- Tesounasanta: sei una santa. Montegrisa: Tempio Mariano costruito sul costone roccioso che dal Carso scende al mare ed alla cittá di Trieste, ben visibile sia di giorno che di notte per le sue imponenti dimensioni e per il potente sistema di illuminazione.
10.
Una bela casa. Co te vedi una bela casa Te vedi solo che una bela casa E no te vedi altro che una bela casa No te vedi i serbi Che butava malta A sei euro in nero Chi che se fa un impero Chi che riva più in alto Ga sempre i pie pozai Sule spale de un altro E la xe l’ impirada Dele robe bele Che le par sempre bele Co te le vedi lá Cos’ che se scondi dentro Se se scondi qualcosa No te saverá mai ------------------------------------------------------------------------- Serbi: persone di nazionalitá serba, comunitá molto presente a Trieste fin da tempi remoti. Che butava malta: che intonacavano, piú in generale che lavoravano nell’ edilizia. In nero: senza contratto, al di fuori della legalitá. I pie pozai: i piedi appoggiati. Impirada: fregatura, brutta sorpresa, imprevisto. Cos’ che se scondi: ció che si nasconde.

credits

released January 1, 2011

Tute le prime chitare registrade a Campedei sui monti co la piova a casa Balzan da Abba Zabba e Toni Bruna.
Tuto el resto sonà, cantà e rigistrà da Toni Bruna in via Rossetti a trieste a casa de Raffa a parte:
Ale Martini: ukulele, vose e contrabaso coi diti
Marco Abbrescia: contrabbaso con l'arco.
Massimo Tunin: Tromba, melodica e glockenspiel.
Misiato da Abba Zabba e Toni Bruna.
Masetrizà de Marcus Rossknecht al City Chalet a Berlin.
Artwork: Jan Sedmak

license

all rights reserved

tags

about

Toni Bruna Trieste, Italy

Toni Bruna xe un che fa robe
Volessi far meo
Volessi far meno
Ma ti piutosto?

contact / help

Contact Toni Bruna

Streaming and
Download help

Report this album or account

If you like Toni Bruna, you may also like: